Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le linee programmatiche di mandato approvate a maggioranza con i ‘distinguo’ di Leggiero e Rotondo

I consiglieri di opposizione lamentano la mancanza di deleghe assessorili per urbanistica, ecologia, agricoltura e pesca 

 

Con l’approvazione a maggioranza (17 favorevoli, 7 contrari e un astenuto) delle linee programmatiche di mandato, il consiglio comunale di Monopoli ha completato nel pomeriggio-sera dell’8 agosto l’esame dei sei punti posti all’ordine del giorno della seduta iniziata lunedì 6 agosto e successivamente aggiornata. L’esame dell’ultimo punto, cioè il programma del sindaco Angelo Annese, è durato quattro ore e si è svolto in maniera pacata. A favore hanno votato i 17 consiglieri di centrodestra, contrari sono stati Cecilia Matera, Silvia Contento e Uccio Pinto di ‘Contento per Monopoli’, Francesco Tamborrino di ‘Insieme per Monopoli’, Claudio Licci di ‘Monopoli Civica’, Angelo Papio di ‘Manisporche’ e Sonia Cazzorla del Movimento 5 stelle. Dell’opposizione si è astenuto il solo Feliciano Indiveri del Partito Democratico. Non sono mancate le osservazioni alle linee programmatiche introdotte in aula dal sindaco Annese. Il filo conduttore degli interventi dei rappresentanti dei partiti di opposizione è stato “il libro dei sogni”: così è stato definito il programma, che i consiglieri di centrodestra hanno difeso. Tra questi ultimi, però, c’è stato chi lo ha fatto in maniera un po' distaccata. E’ il caso di Franco Leggiero (lista ‘Patto con la Città’) e di Antonio Rotondo (Forza Italia) che hanno votato favorevolmente lasciando intuire che qualcosa potrebbe cambiare in futuro. Leggiero, che avrebbe voluto (tra l’altro) l’abolizione e non la riduzione dell’Imu sulle aree fabbricabili senza Pue del territorio extraurbano, ha affermato a titolo personale: “voto sì per spirito di maggioranza e starò molto attento all’operato dell’amministrazione”. Rotondo, che ha parlato in qualità di capogruppo di Forza Italia reclamando (tra l’altro) la rescissione del contratto con la ditta Falzarano che gestisce il servizio di raccolta rifiuti, ha rivelato il tentativo (fatto in sede di trattative per la formazione della giunta) di estromettere il suo partito dalla maggioranza e per questo motivo ha reso noto che Forza Italia non sarà sottomessa a nessuno. ‘Libro dei sogni’ a parte, la critica che i consiglieri di opposizione hanno mosso ad Annese è la mancata assegnazione di deleghe assessorili in materia di urbanistica, ecologia, agricoltura e pesca. Si tratta di mansioni che il sindaco ha trattenuto in attesa di assegnare le deleghe ai consiglieri comunali.