Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Appuntamenti elettorali/L’impegno politico attraverso i percorsi ‘civici’: incontro-dibattito con Barnaba e Laforgia

Il candidato monopolitano di ‘Senso Civico’ rilancia i temi dell’ambiente, agricoltura e sanità

 

Approdare all’impegno politico attraverso percorsi ‘civici’: è il tema dell’iniziativa che si svolgerà questa sera, 10 settembre, alle ore 19.30 presso il comitato elettorale (in piazza Vittorio Emanuele II) del candidato alle elezioni regionali di ‘Senso Civico’, Angelo Barnaba. L’incontro-dibattito con il presidente dell’Associazione ‘La Giusta Causa’, l’avvocato Michele Laforgia sarà l’occasione per riflettere e discutere sulla cosiddetta ‘gavetta’ politica. Barnaba e Laforgia racconteranno ciascuno il proprio percorso, offrendo uno spunto sul tema. L’evento si svolgerà nel rispetto delle disposizioni per il distanziamento fisico per la prevenzione del contagio da Covid-9. Intanto, il monopolitano Barnaba torna a parlare dell’incontro svoltosi nel pomeriggio di domenica scorso, nella sede del suo comitato, con il governatore uscente di centrosinistra, Michele Emiliano. “Si gioca una partita per il futuro della Puglia, non per quello del presidente uscente – afferma l’avvocato monopolitano – ed è una partita importante a cui dobbiamo rispondere con fermezza e convinzione ma soprattutto con forza e coerenza: una partita che riguarda anche tante questioni sul nostro territorio. A partire dalle questioni ambientali, prima fra tutte il tema della qualità dell’aria su cui dobbiamo spingere affinché si giunga ad individuare i rapporti di causa effetto in maniera inequivocabile, in modo da farli valere nelle sedi competenti”. “Ma non abbiamo timore a discutere, e lo abbiamo fatto anche con Emiliano nei giorni scorsi, di temi più delicati come agricoltura e sanità. Sono i due temi su cui si fonda l’attacco del centrodestra – conclude Barnaba – temi sui quali riaffidare la Puglia a Fitto significherebbe non solo rimettere le lancette dell’orologio indietro ma, soprattutto, farsi legare mani e piedi ai diktat della Lega di Salvini”.