Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Spettacoli serali, appuntamenti per ragazzi, caffè filosofici: ecco il programma del teatro ‘Mariella’

Si comincia venerdì 4 novembre con ‘La stanza di Agnese’ nel trentennale della strage di via D'Amelio

 

Sei spettacoli serali, quattro appuntamenti per i ragazzi e altri cinque riservati ai caffè filosofici: si chiama ‘Visioni d’insieme’ il progetto che hanno approntato l’associazione Ubuntu, Apad e Allegra Brigata per gestire la programmazione 2022-2023 del Teatro Mariella di Monopoli. Il titolo di questa stagione teatrale, presentata in conferenza stampa (nella foto), è ‘Facciamo Memoria’, a rimarcare la scelta di spettacoli ed eventi che raccontano storie. Tutti gli spettacoli, con la direzione artistica di Alessandra Dalena, si terranno al Teatro Mariella tranne quello inaugurale e l’ultimo previsti al Teatro Radar. Grandi interpreti saranno protagonisti di produzioni nazionali che accompagneranno il pubblico da novembre ad aprile. Sarà lo spettacolo ‘La stanza di Agnese di e con Sara Bevilacqua ad inaugurare al teatro Radar, gli appuntamenti della stagione serale venerdì 4 novembre. La nuova produzione Meridiani Perduti Teatro, è dedicata al giudice Paolo Borsellino, nel trentennale della sua tragica scomparsa. Lo spettacolo si replica sabato 5 novembre in matinèe al Teatro Mariella. Si prosegue martedì 29 novembre con un altro matinèe, ‘Esterina Centovestiti’ di e con Daria Paoletta. Una narrazione non prevedibile, in cui il bullismo fa solo capolino. Lo spettacolo ha vinto il prestigioso premio di teatro per ragazzi Eolo Award. Ancora un matinèe di e con Daria Paoletta è previsto giovedì 1 dicembre, Una storia che non sta nè in cielo nè in terra (produzione Compagnia Burambò). Mercoledì 7 dicembre il rapporto malsano tra uomo e tecnologia è al centro della physical comedy Contrattempi moderni con Raffaello Tullo, performer, musicista, attore e leader della Rimbamband. Una storia moderna fatta di telecomandi e ossessioni social di Alessandro Clemente, Alberto Di Risio e lo stesso Tullo. Dopo la pausa natalizia la stagione teatrale riprende con Zvi Zvi Rosa Luxemburg con Antonella Ruggiero in programma venerdì 20 gennaio. Sarà raccontato il periodo che va dal 1914 al 1918, durante la prima guerra mondiale, in cui Rosa Luxemburg, economista, politica e rivoluzionaria,  venne arrestata perché accusata di incitamento alla diserzione e alto tradimento. La ritroveremo in carcere dove, nonostante tutto continua a lavorare, a scrivere, a fare sogni di libertà e rivoluzione. Ancora un matinèe lunedì 27 febbraio con Storia di Nina con Elisa Rossetti e Massimo Zatta. La protagonista è alle prese con una strana creatura polverosa comparsa perché Nina è triste. A poco a poco Nina comincerà a conoscerla e scoprirà che anche lei è triste e ha bisogno delle piccole cose dove si nasconde la felicità. Fra i due nasce un’amicizia speciale e Nina imparerà che il vero incanto è tale se condiviso. Nel quarantesimo anniversario della scomparsa di Emanuela Orlandi, rapita il 22 giugno del 1983, venerdì 10 marzo va in scena La cittadina vaticana Emanuela Orlandi scritto e diretto da Giovanni Gentile con Barbara Grilli. Tante le domande rimaste inevase sul più grande caso di depistaggio nella storia d’Italia. Lo spettacolo si replica sabato 11 marzo in matinèe. E ancora venerdì 14 aprile va in scena La sorella di Gesucristo, terzo capitolo della “trilogia della provincia” di e con Oscar De Summa, finalista al Premio UBU nel 2015 con un altro spettacolo della trilogia. Una storia tanto semplice quanto terribile. Una ragazza prende in mano una pistola e attraversa tutto il paese per andare a sparare al ragazzo che la sera prima, il venerdì santo della passione, l’ha costretta a subire una violenza. La stagione Facciamo memoria si chiude al Teatro Radar  venerdì 5 maggio con Totò e Vicè, di Franco Scaldati con l’interpretazione e la regia di Enzo Vetrano e Stefano Randisi. I protagonisti sono legati da un’amicizia reciproca assoluta e vivono di frammenti di sogni che li fanno stare in bilico tra il mondo terreno e il cielo, in un tempo imprendibile tra passato e futuro, con la necessità di essere in due, per essere.

 

 

 

Caffè filosofici. Il progetto Visioni d’insieme comprende anche un ciclo di Caffè filosofici (Fare Filosofia a Teatro) in collaborazione con la Società Filosofica Italiana. Quattro gli appuntamenti alla Biblioteca Rendella: si comincia domenica 20 novembre con il tema Cittadinanza e impegno. Si prosegue domenica 8 gennaio con Storia e violenza, domenica 26 febbraio con Verità e menzogna e infine domenica 26 marzo con Il potere sui corpi.