Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Violenze alla moglie e alla figlia: ridotta da 14 a 11 anni la pena ad un 45enne monopolitano

I giudici della Corte d’Appello hanno concesso all’uomo le attenuanti generiche equivalenti alle contestate aggravanti 

 

La Corte d’Appello di Bari ha ridotto da 14 a 11 anni di reclusione la pena nei confronti di un 45enne di Monopoli, A. M. le sue iniziali, accusato dei reati di tentato omicidio della moglie 36enne, aggredita violentemente con coltelli e un mattarello alla presenza della figlia di 7 anni, maltrattamenti e violenza sessuale nei confronti della stessa moglie e lesioni personali ai danni della figlia. I fatti contestati risalgono al 2017 e si ripetevano da circa 7 anni. All’epoca provvidenziale fu l’intervento degli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Monopoli che soccorsero la donna che era riuscita a fuggire dopo l’ennesima violenza subita nella sua abitazione di campagna. L’uomo si barricò in casa con la figlia fino all’arrivo dei poliziotti che sfondarono la porta per liberarla. I giudici di appello hanno concesso al 45enne le attenuanti generiche equivalenti alle contestate aggravanti.