Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Massiccia adesione allo sciopero dei netturbini della Falzarano: manifestazione e incontro con Annese

Nel confronto con i lavoratori non sono mancate le accuse al sindaco che le ha respinte 

 

E’ stato compatto lo sciopero dei netturbini della Ecologia Falzarano indetto per oggi 7 febbraio a Monopoli in segno di protesta contro la ditta per i ripetuti ritardi nel pagamento degli stipendi (quello di dicembre è stato pagato dal comune che ha defalcato la somma dal canone mensile). I lavoratori si sono radunati prima davanti al Comando dei vigili urbani, poi si sono recati in municipio per incontrare il sindaco Angelo Annese (nella foto). Oltre al ritardo nel pagamento degli stipendi, i netturbini lamentano altre criticità, tra le quali la precaria condizione degli automezzi. Anche i lavoratori stagionali lamentano la mancata corresponsione del Tfr. Nel corso del confronto, Annese ha respinto l’accusa di non far nulla per risolvere la vertenza. Insomma, la situazione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti in città e nell’agro resta incandescente: oggi i cassonetti sono strapieni di rifiuti e le pattumelle per la raccolta differenziata non sono state svuotate. Assicurato soltanto il servizio di raccolta della sola plastica e dei rifiuti nei siti ‘sensibili’ come ospedale e case di riposo. Mentre si è in attesa delle decisioni del commissario dell’Ager Gianfranco Grandaliano sul destino della Falzarano che, a detta del sindaco Annese, resta inadempiente alle clausole contrattuali. La decisione, ha sottolineato Annese, arriverà a breve. Il servizio di raccolta riprenderà regolarmente a partire da venerdì 8 febbraio.