Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate: deposte le corone d’alloro ai monumenti cittadini

La cerimonia conclusiva si è svolta in piazza Vittorio Emanuele II con il saluto delle autorità 

 

Anche a Monopoli, come in tante altre città d’Italia, si è celebrata la giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, coincisa con il centesimo anniversario della fine della Prima Guerra Mondiale: il 4 novembre del 1918. Con l’entrata delle truppe italiane vittoriose a Trento e Trieste, dopo quasi tre anni e mezzo di combattimenti, si concludeva la ‘Grande Guerra’ e si completava il processo di unificazione nazionale. Tre anni dopo, il 4 novembre 1921, l’Italia si stringeva attorno alla figura del ‘Milite ignoto’. La commemorazione è iniziata con il raduno a Palazzo di Città delle autorità, delle associazioni combattentistiche, degli ex combattenti, dei rappresentanti delle Forze Armate, delle scuole e dei cittadini. Da Largo Plebiscito si è mosso il corteo che ha fatto tappa prima al monumento ai Caduti del Mare di largo Fontanelle (dove è stata deposta una corona d’alloro), poi in piazza Milite Ignoto (anche qui deposta la corona d’alloro) e, infine, in piazza Vittorio Emanuele II dinanzi al monumento dei Caduti di Guerra 1915-18 (la lapide ricorda la morte di 300 monopolitani).  Dopo la cerimonia dell’Alza Bandiera con l’esecuzione dell’Inno di Mameli, è stata deposta la corona d’alloro, benedetta dal frate di San Francesco da Paola, Miki Mangialardi. Gianni Sardella ha letto il Bollettino della Vittoria, firmato da Armando Diaz. Il comandante dei carabinieri Emanuele D’Onofri ha letto il messaggio del Presidente della Repubblica. Il sindaco Angelo Annese, dopo il saluto a tutte le autorità militari e civili presenti, ha sottolineato l’importanza dell’Unità Nazionale, raggiunta un secolo fa dopo non pochi sacrifici.