Monopoli Libera

l'informazione monopolitana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Trapianti di cornea con microscopio 3 D: oculistica all’avanguardia nell’ospedale di Putignano

Eseguiti i primi due interventi con la nuova tecnologia in regime di One Day Surgey (ricovero e dimissioni in giornata)

 

Nell’ospedale di Putignano sono stati eseguiti i primi due trapianti di cornea con il microscopio 3 D, una nuova tecnologia arricchisce ulteriormente l’offerta di prestazioni sanitarie d’eccellenza. Ad eseguirli è stata l’équipe medica diretta Giovanni Colonna ed i pazienti sono tornati a casa nel giro di 24 ore. “Interventi fondamentali – spiega Colonna, responsabile dell’Unità operativa semplice a valenza dipartimentale – per ripristinare l’anatomia corneale con l’obbiettivo di migliorare la funzione visiva alterata dalla ridotta trasparenza e/o regolarità del tessuto corneale, anche in pazienti giovani”. La nuova tecnologia è la prima in assoluto nel Sud Italia assieme a quella in dotazione all’Oculistica dell’ospedale Di Venere di Carbonara diretta da Antonio Acquaviva. Si effettuano interventi non più guardando nell’oculare del microscopio, con evidenti vantaggi ergonomici, ma guardando il campo operatorio direttamente su un maxi-schermo da 50 pollici, ottenendo così risultati importanti sia in termini di velocità di esecuzione e miglioramento delle performance chirurgiche sia in termini di miglior recupero funzionale da parte del paziente. Il trapianto, inoltre, è stato eseguito in regime di One Day Surgery: il paziente, in nemmeno 24 ore, è stato operato ed è tornato a casa. E’ l’ultima tappa del percorso di potenziamento della Uosvd Oculistica di Putignano, culminato nel maggio scorso con la completa ristrutturazione del reparto. Da maggio ad oggi sono state erogate 5 mila prestazioni ambulatoriali di terzo livello con esami di diagnostica per patologie retiniche, mediche e chirurgiche, diagnostica per patologie vascolari e glaucoma. Sono stati effettuati, in particolare, circa mille interventi chirurgici di varia complessità, tra cui 80 interventi per distacco di retina, pucker maculari, fori retinici, cristallino lussato in camera vitrea, varie vitrectomie per patologie vitreo-retiniche. Il cuore pulsante del reparto di Oculistica è rappresentato dal blocco operatorio autonomo, composto da tre sale operatorie, contiguo alla diagnostica e ai 4 posti letto di degenza. Ogni sala operatoria è dotata di microscopi operatori di tecnologia adeguata alla complessità degli interventi chirurgici in programma. Un’attività intensa che il prossimo venerdì 2 dicembre, nella sala Congressi ‘San Michele in Monte Laureto’ di Putignano, sarà al centro del corso di aggiornamento intitolato ‘Esperienze chirurgiche a confronto - Stato dell’arte nelle U.O. Oculistiche della ASL Bari’.